Saturday, October 28, 2006

c'era sempre una volta...

Detto ciò, sperando che queste icone dello spettacolo non se ne abbiano a male,vi invito ad arricchire questo blog con quel che vi pare, dalle ricette dei dolci della nonna alle vostre disgrazie amorose...qui si accolgono tutte le vostre riflessioni!!

7 comments:

Ale said...

il mondo dei blog è in confusione..aprite la finestra..è arrivato il vuoto pasticcione!

Per cominciare potresti soddisfare la curiosità del popolo riguardo i segreti che sono dietro alle tue favolose torte.. lasciando stare l'ottuagenaria vecchina maniaca dell'igiene, le ricette originali sono della Clerici o del grandissimo Beppe Bigazzi?
E soprattutto quando fai la prossima torta che è un sacco che non ne assaggio?

ronk said...

mitico!!
adesso pure un blog....
ma che c'entra il vuoto?
visto che le ricette latitano ne propongo una io.....ormai e' un classico...e' poi mi sembra in tema (o voi siete realmente convinti che l'euforica allegria di clerici & co non sia da collegare all'uso di qualche sostanza?)
Tacchino al whisky
Acquistare un tacchino di circa 5 chili per 6 persone e una bottiglia di whisky; sale, pepe, olio d'oliva e lardo.
Lardellare il tacchino, cucirlo, aggiungere sale e pepe e un filo d'olio.
Scaldare il forno a 250 gradi per 10 minuti.
Nell'attesa versarsi un bicchiere di whisky.
Mettere in forno il tacchino su di un piatto di cottura.
Versarsi due bicchieri di whisky.
Bettere il dermosdado a 300 gradi ber 20 minuti.
Versciarsci dre bicchieri di whisky.
Dopo una messci'ora, aprire il forno della porta e sciorvegliare la bollitura del tacchetto.
Brendere la vottiglia di vishschi e infilarscene una bella golata nel gargarozzo.
Dopo un'altra bezz'ola, trascinarsci verscio il forno, spalancare quella mer** di porta e ributtare - no, rimirare - no - insomma, mettere la gallina nell'altro verscio.
Uscitionarsci la mano con la merda di porta e chiuderla - porca puttana.
Cercare di scedersci su una mer** di scedia e verscarsci un uissski di bikkiere - o il c ontrario, non scio' piu'.
Nuocere - no, suocere - no cuocere no, ah si', cuocere l'animale be ore.
Eh hop!, un bicchierino! Sciempre gradito.
Levare il forno dal dacchino.
Rimboccarsi un po' di wisdky.
Cercare di nuovo di estrarre il pomo, perche' la prima volta no ci sciamo riusciti.
Raccogliere il facchino caduto sul pavimento.
Pulirlo con uno schifo di straccio e sbatterlo su un gatto, un matto, un piatto. Ma chissenefrega. Spaccarsi la faccia a causa del grasso rimasto sul soffitto, sul pavimento della cugina e cercare di rialsarsi.
Decidere che si sta meglio tutti giu' per terra, ridere di pancia e finire la bottiglia di rhisky.
Arrambicarsi sul letto e dorbire dudda la noche.
Mangiare il tacchino freddo con la maionese l'indomani mattina e per il resto della giornata ripulire il bordello fatto in cucina.

buon appettito a statemi bene

Vale??? said...

Grande Ronky...l'hai sperimentata in Inghilterra questa ricetta???

Colgo l'occcasione per fare gli auguri alla Michiiiiiiii....anche se sembra giovane non lo è poi tanto neanche lei!!!

Al momento sto propinando torte ai miei poveri coinquilini che tra un po' diventeranno dei grandi obesi...Ale non temere, prima o poi riuscirò a conservarne una fetta!!

Ale said...

Mi aggiungo al BUON COMPLEANNO MICHY!! e visto che ci sono metto anche un buon viaggio alla Valentina che parte per il caldo sulle tracce degli uccelli migratori...

Aggiungo che per mettere un post sul blog bisogna registrarsi come se si volesse fare un proprio blog e poi si riesce a fare il post dei messaggi. Al momento non funziona l' "Accedi con il tuo account Google".

Vale??? said...

Vedrò di divertirmi...la storia degli uccelli migratori xò non l'ho capita molto!!

non abbiate paura a registrarvi...se io sono riuscita a fare un blog ce la potete fare anche voi!!

Besos!!

ABC said...

Ciela ho fatta anca ioooooooo

ABC said...

Però non ho la ricetta da mettere.
Se vedema al prossimo filmsss